content/struttura.php
Misericordia Di Vinci :: struttura
Questo sito non fa uso di cookie di profilazione, utilizza solo cookie proprietari e consente l'invio di cookie di terze parti. Per saperne di piu' o per negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie leggi la nostra Informativa.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.
    Informativa

organi istituzionali

:: Magistrato

  • Governatore Paolo Bruni
  • Vice Governatore Alessandro Bonci
  • Segretaria Rossana Bertini
  • Consigliere Franco Berti
  • Consigliere Giacomo Araldi
  • Consigliere Enzo Nardini
  • Consigliere Paolo Bonfanti

:: Correttore

  • Monsignor Don Renato Bellini

:: Collegio dei Sindaci Revisori

  • Paolo Cerboni
  • Gianpiero Corbellini
  • Vieri Tamburini

:: Collegio dei Probi Viri

  • Antonio Cinelli
  • Anna Giacomelli
  • Gianpaolo Giacomelli
  • Silvio Girolami
  • Antonio Mancini

:: Soci

  • I soci regolarmente iscritti alla Fraternita di Misericordia di vinci alla data 31/12/2016 risultano 1211

:: Documenti

Il teatro

Il teatro di Vinci

Nel 1954 la Fraternita di Misericordia di Vinci acquistava dal Demanio dello Stato un teatro posto all’estremità sud-occidentale del borgo, costruito a partire dal 1928 come Cinema Teatro della Casa del Fascio.


Il complesso, oggi noto come “Teatro della Fraternita di Misericordia”, ha subito numerosi interventi nel corso di tutto il ‘900 che ne hanno in parte modificato l’assetto originario; tali vicende sono state puntualmente ricostruite nella scheda redatta da Mario Bencivenni nell’ambito del “Censimento documentario e architettonico” dei teatri storici della Toscana, promosso dalla Giunta Regionale nel 1989-95 e coordinato da Elvira Garbero Zorzi e Luigi Zangheri: sappiamo dunque che già nel 1930 la copertura della sala, capace di ospitare 210 persone, fu oggetto di restauri e che nel 1931 fu l’Amministrazione comunale ad acquistare macchinari cinematografici, scenari e altre attrezzature a patto che l’edificio (e quanto esistente all’interno) rimanesse poi di proprietà comunale; il Comune tuttavia non divenne mai proprietario dell’immobile che restò al Partito Nazionale Fascista fino al 1945, per passare poi al Demanio e quindi, come sopra ricordato, alla Misericordia.
Recenti studi e ricerche in corso permettono di inserire quest’opera in un periodo molto importante per la storia di Vinci, ovvero in quel particolare momento in cui prendono avvio una serie di iniziative volte alla creazione della “città di Leonardo”, secondo temi e suggestioni maturate negli anni ’70-’80 dell’800. Infatti, proprio nella seconda metà degli anni ’20 del ‘900, per iniziativa del vinciano Alessandro Martelli, ministro del Governo Mussolini, Vinci veniva interessato da una serie di restauri improntati ad un gusto neomedioevale e neorinascimentale, come se all’eccellenza dell’uomo Leonardo dovesse corrispondere un “paese d’autore”, una “patria d’autore”.
In questa stagione di lavori, che hanno inciso fortemente sull’immagine urbana di Vinci, si collocano i primi progetti di restauro del castello dei Conti Guidi, il ripristino della Casa Natale di Anchiano, la rifunzionalizzazione degli spazi pubblici del borgo e la ricostruzione della chiesa di Santa Croce; rientrano a pieno titolo in questo rinnovamento della scena urbana anche la costruzione della Villa Martelli, della Scuola Elementare (oggi sede dell’Irsoo) e proprio quella del teatro della Misericordia: nei primi due casi è ben documentata la presenza di Adolfo Coppedè, architetto di importanza nazionale chiamato a Vinci da Martelli cui era legato da una profonda amicizia.
E’ noto inoltre che intorno al 1928 lo stesso Coppedè elaborò alcuni progetti, rimasti sulla carta, per “la Casa del Fascio” di Vinci. In attesa di nuove ricerche, rese oggi possibili dal completo recupero dell’Archivio Coppedè depositato presso l’Archivio di Stato di Firenze, è suggestivo ipotizzare la partecipazione dell’architetto fiorentino almeno alle vicende iniziali del teatro della Misericordia, elemento importante di un ‘disegno’ più vasto che avrebbe portato alla rinascita di Vinci, come città Natale di Leonardo.

attivita' mezzi e personale


Attività


La Fraternita di Misericordia di Vinci, è presente ed attiva sul territorio locale da quasi 100 anni. Allo stato attuale si occupa, come prima attività, di trasporto sanitario ordinario e di emergenza, attraverso soccorritori appositamente addestrati di livello base, di livello avanzato ed abilitati all’uso del defibrillatore automatico, che collaborano con il personale medico ed infermieristico del 118 Pistoia-Empoli. Si occupa, inoltre, di trasporti sociali in cooperazione con il Comune di Vinci. A partire dal 2004 si impegna, grazie all’operato dei suoi formatori, nella diffusione della conoscenza del 118, delle tecniche di rianimazione di base dell’adulto e pediatriche e si occupa direttamente di formazione nell’ambito della gestione dell’emergenza e del soccorso sanitario tramite corsi confederali specifici per soccorritori di livello base ed avanzato, realizzati in collaborazione con la centrale operativa 118 e corsi per addetti al primo soccorso in azienda, conformi al nuovo D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche con decreto correttivo D.Lgs. 106/2009 ed al D.M. 388/2003.




Mezzi dell’Associazione


2 ambulanze di tipo A per servizi con sanitario a bordo.
  1. Mercedes Sprinter (Macchina N° 61)
  2. Volkswagen Transporter(Macchina N° 65)

2 ambulanza di tipo B per servizi senza sanitario a bordo.
  1. Mercedes Vito (Macchina N° 68)
  2. Mercedes Vito (Macchina N° 62)

2 autovetture per trasporto materiale sanitario e pazienti deambulanti.
  1. Fiat Cubo (Macchina N° 66)
  2. Fiat Cubo (Macchina N° 69)

2 mezzi attrezzati con pedana meccanica per trasporto disabili
  1. Fiat Doblò (Macchina N° 63) su concessione del Comune di Vinci.
  2. Fiat Doblò (Macchina N° 70)



Servizi garantiti


  1. Ambulanza BRAVO per servizi di emergenza sanitaria 118, con defibrillatore, tutti i giorni dalle ore 08:00 alle ore 20:00.
  2. Servizi di trasporto sanitario di emergenza.
  3. Servizi sanitari ordinari.
  4. Trasporto disabili con mezzo attrezzato.
  5. Trasporto materiale sanitario.
  6. Servizio di prestito di ausili per la deambulazione (stampelle, sedie a rotelle, deambulatori).
  7. Raccolta tappi in plastica



Attività


  1. Corsi regionali per soccorritore di livello base e di livello avanzato con rilascio di certificazione.
  2. Corsi di primo soccorso aziendale secondo la normativa vigente con rilascio di certificazione.
  3. Corsi di defibrillazione precoce tramite C.O. 118 di Empoli.
  4. Possibilità di svolgere il servizio civile volontario retribuito.
  5. Possibilità di svolgere servizio di pubblica utilità
  6. Servizio di prestito gratuito di manichini e kit per l’auto formazione in materia di rianimazione cardiopolmonare (Progetto Rianimando s’impara) con disponibilità di una sala di auto training attrezzata.
  7. Corsi di guida sicura in emergenza per autisti di ambulanza.
  8. Varie iniziative formative per i ragazzi delle scuole elementari e medie.
  9. Partecipazione ad eventi storico-culturali con stand informativi.
  10. Partecipazione ad attività di simulazione di maxi emergenze.



Personale


Babylanza - L'ambulanza che pensa in piccolo

Al fine di fornire un nuovo prezioso servizio per la comunità, per la gestione delle emergenze pediatriche e del trasporto sanitario dei bambini la Misericordia di Vinci ha deciso di impegnarsi nella realizzazione di un’ambulanza pediatrica con un progetto dal titolo "BABYLANZA - L'ambulanza che pensa in piccolo" che ha ottenuto il patrocinio da parte del Comune di Vinci.
Questo nuovo mezzo di soccorso sarà messo a disposizione della popolazione locale e della C.O. 118 Pistoia-Empoli per svolgere servizi di emergenza e servizi di trasporto ordinario pediatrici in condizioni di totale rispetto delle normative sulla sicurezza e di miglior comfort possibile anche per i più piccoli.
Trattandosi di un investimento importante la Misericordia di Vinci sta promuovendo una campagna di raccolta fondi finalizzata all’acquisto della nuova ambulanza e si impegnerà direttamente in questo progetto sia partecipando alla spesa viva per l’acquisto e l’allestimento del nuovo mezzo di soccorso sia occupandosi della formazione e dell’aggiornamento professionale dei soccorritori adibiti a questo specifico servizio.
Per realizzare questo progetto che riteniamo di estremo valore sociale occorrerà l'aiuto di tutti ed anche voi potrete contribuire a renderlo realtà.


Le donazioni potranno essere effettuate tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate

Banca di Credito Cooperativo di Cambiano, Ag. Vinci - Codice IBAN     IT34A0842538170000030348809

Cassa di Risparmio di San Miniato, Ag. Vinci - Codice IBAN     IT45N0630038170001210850001

Poste s.p.a. Codice IBAN -     IT76C0760102800000012342549


Causale: Progetto BABYLANZA - L'ambulanza che pensa in piccolo